Le migliori scarpe running per supinatori

Pronazione, supinazione, iperpronazione… nel mondo del running e dei suoi satelliti, ci sono alcuni termini che definiscono specifiche condizioni. Quando si corre, infatti, non tutti appoggiano i piedi nella stessa maniera. Il movimento è assolutamente individuale, reso tale dalla conformazione di piede e caviglia e altre situazioni in grado di modificare queste tendenze, come stanchezza eccessiva o una costituzione più pesante, dove la pronazione tende a compensare il peso.

Con “supinatore” s’intende una persona con tendenza ad appoggiare (pronazione) il piede verso l’esterno, mentre con “iperpronazione” la tendenza ad appoggiarlo verso l’interno. Per via della specificità di ogni persona, è evidente come sia facile capire che non può esistere un modello di scarpa da running “universale” per ogni persona tendente all’essere supinatore, ma va considerato in ogni caso singolo i vantaggi ottenibili da determinati modelli.

Le scarpe running da supinatori

Per capire bene come correggere il problema di un supinatore tramite una semplice scarpa, c’è da capire bene cosa sia possibile fare tramite queste. Innanzitutto c’è da fare una valutazione del problema e capire se è un vero e proprio disagio, oppure se è una semplice tendenza del tutto innocua. Nei casi più gravi è bene rivolgersi a specialisti e farsi consigliare, magari con plantari specifici.

Per i problemi più comuni, invece, tutto ciò che si può fare tramite un paio di scarpe è rivolgersi a modelli che assorbano bene la forza laterale (dove il supinatore ne scarica di più) e sul tallone. Nonostante questo non risolva il problema in sé, aiuta sicuramente nel camminare o correre ed evita dolori e fastidi di diversa natura. Il materiale dev’essere flessibile, la scarpa leggera e garantire una resistenza all’usura prolungata nel tempo, specie quando vi sono casi di supinatori insistenti sul laterale della scarpa.

Di seguito, quindi, abbiamo riunito alcuni modelli particolarmente indicati per trarre beneficio nella condizione:

Mizuno Wave Sky 2

La Mizuno si è distinta negli anni per la grande qualità dei suoi prodotti sportivi, e questo modello non fa eccezione. Indicata per sopportare pesi molto grandi e per un atteggiamento neutro e supinatore, le Wave Sky 2 offrono l’ammortizzazione giusta, oltre che una qualità di materiale estremamente adatta a mantenere la calzatura leggera per le attività sportive.
Disponibile in diverse colorazioni, il materiale di cui è costituita la scarpa è sintetico con aggiunte in gomma, di cui anche la suola è composta.
L’ammortizzazione laterale e del tallone, così come la grande resistenza dei materiali la rende una scarpa adatta alle costituzioni robuste, naturalmente supinatrici e anche per neutri.

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2020 19:30

Mizuno Wave Prophecy

Più massiccio questo altro modello Mizuno, con linee molto aggressive di design e una classificazione A3 delle scarpe da corsa (quindi ammortizzate, ma comunque leggere e flessibili) pensate, queste, per posizione neutra o leggera pronazione. Nonostante questo, tuttavia, l’ammortizzazione è presente e buona è anche la capacità della suola, non molto adatta per sterrati ma decisamente adeguata a cemento e abbastanza alta per attutire qualsiasi tipo di ostacolo sul terreno.
I materiali esterni sono gli stessi del modello precedente, con sintetico rivestito in alcuni punti dalla gomma e la durevolezza della suola è garantita per un numero davvero alto di km, alcuni acquirenti affermano di usarle da ormai diverse migliaia di km con un’usura minima.

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2020 19:30

ASICS Gel-Nimbus 17

Rivestimento di tessuto per le Nimbus 17 della Asics, marca il cui nome parla da solo, con alcuni inserti in gomma e una suola antiaderente nominata “FluidRide”, con assorbimento interno della suola a tecnologia gel. Per posizioni neutre e leggermente supinatrici, il sistema interno di queste calzature è estremamente comodo e offre un appoggio morbido, adatto quindi a lunghe corse e camminate senza risentire troppo dell’attività sul piede. Ottima anche la durevolezza della suola e della struttura. con tomaia elastica per non irrigidire troppo le dita del piede durante la tensione.

Un prezzo più elevato rispetto le concorrenti, ma indubbiamente un rapporto qualità/prezzo estremo.

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2020 19:30

Free RN Sense

La Nike propone la sua opzione di scarpe running con particolare attenzione a neutri e supinatori. Con rivestimento tessile sintetico esterno e inserti in gomma praticamente nulli, il peso di queste calzature è estremamente ridotto all’essenziale, con la suola in gomma tipica della casa di produzione. L’interno è ammortizzato e il design è, a differenza dei modelli presentati finora, estremamente longilineo e semplicistico, con linee dinamiche e fluide.

Opzione sicuramente meno “professionale” rispetto alcune proposte di questa lista, più adatta a lunghe passeggiate e corse che ad attività intensa vera e propria, comunque la classificazione delle Free Rn Sense è A3 ed è adatta a chi cerca una scarpa comoda e di design, ma inizia ad essere poco adatta in situazioni di pesi di un certo livello e quindi ha una situazione di supinatore più aggressiva.

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2020 19:30

Saucony Ride 8

Look futuristico per le Saucony Ride 8, rivestite con una pellicola denominata “Flex-film” la quale, oltre a donare un aspetto lucido all’intera scarpa, tende a elasticizzare ulteriormente i tessuti, rendendo così la calzatura adatta ai runner, per cui è garantita una durata minima di 500km. Comode anche per passeggiate e per un uso più tranquillo, le Saucony Ride 8 sono ammortizzate ma continuano a risultare leggerissime, appena 230g a scarpa, ponendosi di diritto nella fascia delle “scarpe piuma” molto apprezzate da sportivi di tutti i tipi.

Ottima per pesi più massicci e per supinatori aggressivi, le Saucony Ride 8 sono un investimento di lunga durata in un prodotto di un’azienda che ormai nel mondo running è sinonimo di qualità e certezza.

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2020 19:30

Adidas Solar Glide

Probabilmente il modello in questa lista di cui sono disponibili più varianti di colore, le Solar Glide dell’Adidas sono ormai molto famose negli ambienti sportivi. Rivestimento tessile sintetico, fodera tessile sintetica e con alcune aggiunte in gomma all’esterno, le Solar Glide peccano leggermente in longevità (dopo i 500km l’ammortizzazione inizia a risentire del peso), ma in compenso offrono una calzatura dalla pianta larga, in grado di offrire la comodità dell’impermeabilizzazione esterna, con sufficiente traspirazione per il piede. La leggerezza della scarpa, meno di 300g ciascuna, certifica la possibilità di questo paio Adidas di poter essere utilizzato con successo per sessioni di running intenso, senza pregiudicare le prestazioni.

Complice forse il design davvero unico dato da Adidas, le Solar Glide sono probabilmente l’incontro migliore fra resa tecnica e design estetico. Ottimo rapporto qualità/prezzo.

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2020 19:30

In conclusione

Nonostante non ci sia una soluzione definitiva per la tendenza supinatrice nel camminare e nel correre, tutti i modelli appena elencati possono aiutare, e di molto, la resa durante le sessioni di allenamento ed evitare eventuali infortuni, a discapito di articolazioni e muscoli.

Investendo nel giusto modello, il runner consapevole, o l’appassionato podista possono assicurarsi uno strumento con cui mantenersi in forma, sperimentare e testare i propri limiti nella sicurezza di avere il giusto prodotto ai piedi.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *