Swiss Irontrail, trail running per i più determinati

La Swiss Irontrail è una gara giovane, difficile e bella, una corsa di montagna alpina in cinque gare tra paesaggi maestosi indimenticabili, cime innevate e silenzi ultraterreni.

La Swiss Irontrail: corsa per i più esperti

L’itinerario è lungo e complicato da affrontare, nonché a tratti pericoloso: c’è il rischio di smarrire il sentiero in alcuni tratti, per cui è importante porre la massima attenzione. Per evitare lo smarrimento alla partenza verrete forniti di mappa. Non dimenticherete mai questa corsa, ma fate attenzione, la Swiss Irontrail è una gara che calza a pennello solo ai corridori di montagna, per tutti gli altri occorre prepararsi con estrema cura.

 

L’edizione dell’Irontrail svizzero 2018 si svolgerà dal venerdì alla domenica con le nuove date 27-29 luglio 2018.

 

C’è tutto il fascino delle Alpi dei Grigioni in estate in questa due giorni dove vivrete tutta la montagna più alta e i suoi strati, con villaggi da cartolina, laghi, boschi, corsi d’acqua e cime innevate. I sentieri di montagna occupano circa il 95% del percorso, con tratti di arrampicata verticale che richiedono un impegno medio alto. Il punto più impegnativo della gara è quello più alto ed è quello da Pontresina a Coira.

 

I chilometri di percorso facile sono molto pochi, ma se avete intenzione di partecipare con amici e familiari sappiate che cibo e bevande sono abbondati e vari, in quasi ogni punto di ristoro trovate minestra, banane, cioccolato e salumi.

Quello che devi sapere per prepararti a correre la Swiss Irontrail

Considerate che il tempo alpino non sarà vostro amico perciò attrezzatevi con vestiti caldi e calcolate che dovrete allenarvi bene ad una distanza ragionevole prima di pensare di affrontare la due giorni, perché nonostante l’estate inoltrata potrete trovare ancora neve e nebbia nel sentiero, nonché pioggia e grandine nelle valli. Gli organizzatori consigliano di acclimatarsi al di sopra dei 1500 metri prima di partire per la gara. Runners di bassa quota siete avvertiti.

 

In conclusione, se amate la montagna cimentatevi, ma non sottovalutate la difficoltà del percorso.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *