Ultime dal Blog

La forza resistente nella maratona
La forza resistente nella maratona

Quando si parla di forza resistente o resistenza alla forza, si intende migliorare e ricercare un valore che resiste nel tempo sviluppando il concetto di velocità resistente. Se prima veniva utilizzato in maniera casuale, oggi la Forza resistente è un mezzo di allenamento utilizzato molto...

Amatrice-Configno: edizione della Rinascita (e poi????)
Amatrice-Configno: edizione della Rinascita (e poi????)

Ho nostalgia di questa gara, pur avendo preso parte solo all’ultima svolta, la 40esima edizione, denominata “della rinascita”, nell’agosto del 2017, cioè l’agosto successivo al terribile evento del terremoto, noi runner rispondemmo alla grande, dato che si svolse l’agosto successivo al terribile...

10^ Albarace – Roma 05 Giugno 2019
10^ Albarace – Roma 05 Giugno 2019

Partecipo per la terza volta a questa manifestazione, la seconda consecutiva, ed ormai è diventata un must nel panorama del podismo romano, e dai 500 partecipanti della prima edizione, si è passati ai 2500, a numero chiuso, di questa ultima edizione. Si è arrivati al sold out, già alcuni giorni...

Perché questo sito?

Abbiamo pensato alla realizzazione di questo blog pensando di colmare una lacuna che consiste nell’assenza di un portale che faccia da calendario per gli appassionati della maratona. Si è quindi realizzato questo spazio con lo scopo di mettere in contatto gli atleti e portarli a conoscenza delle maratone che si svolgono in Italia e nel Mondo. Se invece sei un neofita, il calendario ti faciliterà nella conoscenza degli eventi che si svolgono nella zona che ti interessa.

Potrai inoltre contribuire direttamente al completamento delle informazioni, segnalando un evento assente nel calendario maratone.

Un po’ di Storia sulla Maratona

Sembra che le origini della disciplina siano da ricondurre ad un evento storico. Infatti, Maratona era una città greca situata non lontano da Atene, che fu teatro di un’epica battaglia tra ateniesi e persiani, conclusa con il massacro dei primi. Quando le linee ateniesi furono superate, venne inviato ad Atene un messo di nome Fidippide per richiedere rinforzi e soccorsi. La leggenda vuole che il messo corse ininterrottamente per tutti i 200 km che distanziano le due città e fece ritorno, percorrendo un totale di 450 km in quattro giorni, per dar manforte ai suoi commilitoni.

Michel Bréal partì da questa narrazione per ispirarsi alla prima corsa di questo genere. Nel 1896 volle infatti inserire tra le discipline delle prime Olimpiadi (svoltesi ad Atene), un evento in grado di rievocare questa fantastica storia partendo dal ponte di Maratona con arrivo previsto allo Stadio Panathinaiko di Atene. Nacque così il 10 aprile 1896 la maratona, vinta nella sua prima edizione olimpica da SpyridōnLouīs che percorse 40 km in 2 ore e 58 minuti.

Successivamente nel 1921 venne introdotta la regola secondo la quale la lunghezza dev’essere di 42,195 km.

Perché la maratona è un fenomeno così diffuso?

Negli ultimi anni sono sempre di più le persone che si cimentano in questa disciplina sportiva, ma non sempre è facile individuarne le motivazioni. Certamente, di base, è necessario essere dotati di una forte propensione all’attività sportiva. Tuttavia ritengo che tra i fattori più coinvolgenti ci siano la ricerca dell’avventura e la voglia di misurarsi con sé stessi per capire i propri limiti e superarli.

Cos’è una maratona?

Si definisce maratona una specialità tipica dell’atletica leggera costituita da una gara percorsa sulla distanza più che sullo scatto, rivolta sia ad atleti di sesso maschile che femminile. Come già accennato in precedenza, per essere considerata maratona, la gara deve essere percorsa su un chilometraggio totale di 42,195 km.

Generalmente questa disciplina costituisce la gara conclusiva dell’atletica leggera durante le Olimpiadi. Infatti, storicamente si svolge a poche ore dalla cerimonia di chiusura dei giochi.

Costituiscono invece quelle che potremmo definire delle varianti: la mezza maratona che si svolge su una distanza di 21,097 km, che gode di grande diffusione e partecipazione tra gli atleti amatoriali proprio in virtù della lunghezza inferiore rispetto alla maratona. E l’ultramaratona che, al contrario, prevede un percorso di lunghezza maggiore ai canonici 42,195 km.